Emozioni

emozioni

Le Emozioni  sono un evento fisico e psichico. Nel mondo animale sia le Emozioni positive che quelle negative sono importanti per dare valida direzione e sostegno ai comportamenti.

Nell’evoluzione umana questa facoltà si è molto modificata trovandoci per molti motivi a 'non sentire' o a 'esagerare' le Emozioni: in questi casi il loro ruolo guida non risulta più valido, provocando sofferenza in noi e negli altri.
Le Emozioni si compongono di un aspetto di 'sensazioni' e uno di 'comunicazione'. Non si impara a 'controllare' le Emozioni, ma a 'modularle' in un gioco tra il sentirle e l’esprimerle.
A volte le Emozioni ci assalgono, altre invece emergono con tenerezza.. impariamo ad accoglierle.

Affetti

affetti

Gli Affetti  descrivono il legame che c’è tra gli individui, ma anche tra gli individui e le cose. La parola 'affetto' deriva dal latino 'preso da', quindi se siamo presi da tante cose, persone, passioni... si può dire che abbiamo una ricca vita affettiva. Al contrario se 'non ci lasciamo prendere' dalle cose della vita, la vita stessa è povera di Affetti.

Possiamo considerare l’affettività come la strada che unisce gli individui agli altri e alle cose della vita: più è ampia questa strada più le emozioni possono scorrere ed essere modulate.

Sentimenti

sentimenti

I Sentimenti sono un 'sentire diffuso', sono ciò che resta delle emozioni anche quando non siamo più in contatto con ciò che ci ha emozionato. Se abbiamo provato emozioni positive con una persona, rimane in noi un residuo dell’attivazione fisico-psichica (pensieri, immagini, sensazioni diffuse) che chiamiamo 'amore'. Se invece qualcuno o qualcosa ci fa ripetutamente arrabbiare si creano pensieri, immagini e sensazioni che determinano un sentimento di 'odio'.

Tra i Sentimenti e le Emozioni ci sono poi una gamma di vissuti che chiamiamo 'Stati d’animo' e questi sono per esempio: la gelosia, l’invidia, la timidezza, la vergogna, il pudore, ecc..

Comportamenti

comportamenti

La Psicologia è la “ Scienza del Comportamento ”. I Comportamenti sono le nostre azioni o reazioni nell’ambiente fisico e sociale. I Comportamenti possono rispondere a motivazioni oggettive o soggettive.

L’adeguatezza o meno di un Comportamento viene definita da un intreccio di sensazioni e capacità valutative interne alle persone, ma anche da quelle connesse alle regole dell’ambiente e ai tipi di relazione esistenti.

I Comportamenti possono raggiungere dimensioni eccessive per alcuni, ma possono definire l’appartenenza ad un gruppo per altri.

Motivazioni

motivazioni

La Motivazione è ciò che guida un comportamento e si basa su 'bisogni' interni o esterni all’individuo, ma anche sugli 'incentivi' cioè da attrattive e stimoli provenienti dall’esterno. Possiamo considerare i bisogni su una scala gerarchica da quelli più legati alla biologia, a quelli più sociali e mentali: 'Bisogni Fisiologici', 'Bisogni di Sicurezza e Protezione', 'Bisogni di Appartenenza', 'Bisogni di Prestigio e successo', 'Bisogni Autorealizzazione'.

Convinzioni

convinzioni

Le Convinzioni sono 'pensieri abituali', 'certezze ideologiche o etico-morali', 'idee o credenze soggettive'. Nella misura in cui le Convinzioni determinano comportamenti che risultano adeguati a sé e agli altri, si è nel campo della soggettività da rispettare.

Quando le Convinzioni portano a comportamenti, emozioni o sentimenti negativi per sé o per altri siamo di fronte alla sofferenza. Questa sofferenza può essere avvertita dalla persona stessa o essere oggettivamente avvertita (dall’esterno, dagli altri), anche se la persona non se ne rende conto. Questa è l’area in cui a volte si passa molto tempo della vita in situazioni di conflitto e disagio esistenziale.

Share by: